NEWS

05.10.2016

IBIS SACRO IN VOLO ALL'OASI GAETANO NAVA

foto di Luca Balconi

Un elegante esemplare di questa specie è stato fotografato ad Agrate Brianza sopra la vasca volano

L'elenco di specie di uccelli che sono passati per l'Oasi Gaetano Nava di Agrate Brianza continua a crescere.

 

Ibis sacro

Ibis sacro all'Oasi Gaetano Nava, foto di Luca Balconi

 

Nella mattina del 2 ottobre Luca Balconi, fotografo naturalista, è riuscito a cogliere con uno scatto il volo di un ibis sacro (Threskiornis aethiopicus): questa specie è originaria dell'Africa sud-sahariana e del medio oriente, ma è stata introdotta anche in Francia, Spagna ed in sud Italia; da qui si è espansa nel nostro Paese, ma attualmente al nord sono presenti pochissime colonie stabili. Frequenta paludi, fiumi ed acquitrini, con una certa tolleranza alla presenza dell'uomo, e si nutre di pesci, anfibi ed altri animali acquatici. Allo stato attuale non è una specie in pericolo di estinzione, anche se è stato pesantemente oggetto di caccia nel passato. L'appellativo "sacro" deriva dal periodo dell'antico egitto, quando questo animale era venerato in quanto dedicato al Dio Toth.

(fonte informazioni: Wikipedia)

 

Ibis sacro

foto di Andrew Massyn

 

L'oasi Gaetano Nava è quindi un ambiente ideale con la presenza costante di acqua e di abbondanti prede; tuttavia l'animale è stato fotografato mentre volava, senza posarsi ma - chissà - magari in esplorazione per un futuro insediamento.

L'area è rinomata per l'attrattività che esercita sull'avifauna, soprattutto nel periodo delle migrazioni. L'incessante lavoro di recupero e rinaturalizzazione portato avanti dal Parco e dai Volontari Amici della Volano (qui l'ultima news relativa) aumentano sempre più il livello di biodiversità dell'oasi e la sua importanza in un territorio privo di aree rifugio per la fauna selvatica.

COMUNI

  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
con il contributo di