NEWS

04.06.2015

UNA NUOVA SPECIE PER IL PARCO MOLGORA

Sterpazzolina di Moltoni (di Alessio Quaglierini,
fonte articolo citato nel testo)

Un aggiornamento scientifico porta una novità nell'elenco di specie dell'avifauna del Parco: benvenuta sterpazzolina di Moltoni!

La letteratura scientifica ha aggiornato la divisione in specie per la sterpazzolina, un uccello passeriforme diffuso intorno al bacino del Mediterraneo: quella che una volta era la specie sterpazzolina (Sylvia cantillans), infatti, appare ora come un complesso di specie con caratteristiche fisiche e di comportamento differenti; l'analisi genetica che ha confermato la differenziazione in tre specie.

 

Sono così distinte la sterpazzolina di Moltoni (Sylvia subalpina), la sterpazzolina comune (Sylvia cantillans) e la sterpazzolina occidentale (Sylvia inornata). Elementi decisivi per il riconoscimento sono la colorazione delle piume del petto, rosa salmone anziché rosso o arancione come nelle altre specie, ed il verso di contatto, simile a quello dello scricciolo (“trrrr trrrrrrr”).

 

Insomma, una nuova specie che in realtà è un ampliamento delle differenze tra diverse sottospecie che vengono riorganizzate tassonomicamente: come ci ricordano gli autori del lavoro scientifico che ha presentato questa nuova suddisione (M. Brambilla & D. Nespoli, dati inediti), "definire questi concetti significa fissare entro limiti ”rigidi” delle situazioni che sono invece ”fluide” e che rappresentano un continuum di variazione che per necessità di catalogazione viene suddiviso in intervalli discreti". Parte del fascino nello studio delle specie sta proprio nello scoprire nuovi gradi di parentela o sottolineare le diverstià tra di esse.

 

E' così, durante l'iniziativa Un'oasi per Gaetano, dello scorso 09 maggio, la presenza degli amici del C.R.O.S. Varenna ha permesso l'identificazione al canto della sterpazzolina di Moltoni (anche grazie ad un consulto in diretta "telefonica" con Mattia Brambilla, collaboratore della FLA nel Progetto Recupero e riqualificazione di habitat planiziali nel Parco, che ha potuto confermare l'esattezza del rilevamento); cosa che solamente pochi esperti sono in grado di fare.

 

Ci piace pensare che questa segnalazione sia stata un regalo di Gaetano: d'altra parte era per lui che erano presenti gli amici del C.R.O.S. Varenna, insieme alle altre 250 persone che si sono riunite in sua memoria.

 

L'articolo divulgativo di Mattia Brambilla è visibile sul n. 10/2013 dei Quaderni di Birdwaching, rivista dell'EBN Italia.

COMUNI

  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
con il contributo di