ITINERARIO 2

Stagno originato da vecchie cave d’argilla a
Ronco Briantino.

Sulle tracce della Brughiera: da Carnate a Ronco Briantino tra prati, roccoli, laghetti, cappellette e fornaci

Lo sguardo è catturato continuamente da infinite distese di grano e di prati, mentre un'imponente fascia boschiva forma un suggestivo ed impenetrabile muro naturale. La cornice delle Prealpi nelle giornate limpide fa da corona ad un paesaggio in cui piccoli e grandi segni lasciati dall'uomo coinvivono in armonia nell'ambiente naturale.

Distanza:
4,8 Km
Tempo di percorrenza:
- a piedi 2 h
- in mountain bike 55 min.



Lo scenario di partenza di questo itinerario è Villa Banfi (attuale sede del comune di Carnate), il cui parco, retrostante l'edificio, è oggi un giardino pubblico.
Percorrendo la pista ciclabile che costeggia il parco si incontra la strada che scavalca la ferrovia: la presenza di un pannello descrittivo indica che si sta procedendo nella giusta direzione.
L'inizio del sentiero si trova in un bel boschetto a destra ed il ponte sulla ferrovia a sinistra. Dopo un breve tratto si ritorna a costeggiare e poi ad attraversare il torrente che scorre lineare attraverso boschi, distese di prati, campi coltivati e orti.
Giunti al limite del bosco, invece di seguire l'ampio sentiero a destra, l'itinerario prevede di svoltare a sinistra. Entrati nel sottobosco il sentiero si fa chiaro e facilmente percorribile.
Ci troviamo all'interno di uno dei più interessanti boschi di tutto il Parco del Molgora, uno dei pochi al cui interno sopravvive una ricca varietà di specie arboree ed arbustive. Nel 2003 giovani dalla Spagna e dalla Romania insieme a giovani carnatesi hanno realizzato il "Sentiero Gioventù d'Europa" che ne valorizza le presenze botaniche con una cartellonistica multilingue, implementata nel 2008 durante un campo internazionale di volontari di Legambiente.
Proseguendo si sbuca in una zona agricola, la cui vista è caratterizzata dalla presenza di stagni e della porzione residua della ciminiera della Fornace Cuisona. Attraversando i campi del pianalto si raggiunge la ciclabile tra Ronco Briantino e Carnate che offre un percorso protetto.
Nel tornare a Carnate merita senz'altro una sosta la piccola cappella a pianta ottagonale della Madonna del Carmelo. Da qui si svolta su una strada di campagna che costeggi boschi di robinia, campi ed infine il castagneto della Famiglia Banfi, un tempo grandi imprenditori della seta. Si torna quindi verso la ciclabile e Carnate; un filare di pioppi cipressini ci fa compagnia prima di entrare in paese.

 

Sono presenti alcune varianti per tagliare le percorrenze dell'anello o per creare anelli più brevi: quella centrale, tra il Sentiero Gioventù d'Europa e la ciclabile Carnate - Ronco Briantino, risale la scarpata in un fresco e profondo solco e attraversa l'area di un appostamento fisso di caccia (fare attenzione durante il periodo venatorio!). 

COMUNI

  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
con il contributo di