ITINERARIO 3

La “risciada” (by Luigi D'Amato)

Sentiero CAI Vimercate: S. Maurizio, Passirano, C.na Corrada, Ruginello, Villanova... un'infinita rete di sentieri.

Senz'altro il più affascinanti degli itinerari proposti, con i suoi scorci paesaggistici fatti di infinite distese di campi coltivati punteggiate da piccole e grandi fasce boschive, il tutto calato sui tre gradoni naturali dei terrazzi diluviali. E' un invito a lasciarsi alle spalle la vita delle città ed immergersi nell'atmosfera contadina, fatta di campagna e di piccoli borghi. L'itinerario è stato ridisegnato con il supporto della sezione di Vimercate del CAI.

Distanza:

da 5,49 Km
Tempo di percorrenza:
- a piedi  2h.
- in mountain bike 45 minuti



Dalla grande quantità di sentieri e di e di possibili partenze è stato definito un anello per l'itinerario, che resta comunque aperto alle innumerevoli varianti che ogni visitatore potrà farsi suggerire dal paesaggio.
Optando per la partenza da S. Maurizio, di fronte al visitatore si apre in tutta la sua vastità la campagna con i suoi colori, i suoi profumi e i suoi ritmi stagionali. La via di fronte alla chiesetta porta in un attimo all'imbocco di un ampio sentiero campestre che, in leggera discesa, conduce verso il Molgora: inizio del nostro itinerario. L'attraversamento del torrente è oggi possibile grazie ad una passerella in cemento; andando in direzione Ruginello,  si può imboccare un sentiero che conduce sul più alto dei tre terrazzamenti diluviali attraversando un fresco bosco di carpini. La zona più storica dell'abitato di Ruginello mostra quell'antica architettura rurale tipica dell'alta pianura asciutta lombarda. Attraversando un breve tratto abitativo si giunge al sentiero che conduce a Villanova, frazione di Bernareggio.

Il sentiero percorre la valle di un torrente oramai scomparso, oggi occupata da un bosco di robinia. Da Villanova si piega verso ovest e Passirano, altra frazione ancora ricca di testimonianze della vita contadina con le tipiche corti. Uscendo da Passirano si gode della vista su campi, la valle del Molgora e le cittadine in lontananza. L'itinerario percorre una tipica strada campestre acciottolata (la Risciada) e, scendendo nuovamente i terrazzi, tra boschetti e campi si torna al bivio per S. Maurizio.

 

Delle numerose varianti se ne segnalano due: una, tra la Risciada e Ruginello, taglia l'anello e passa per un maestoso individuo di gelso che svetta dall'alto del terrazzamento più antico; l'altra variante (a fondo cieco) porta al bosco della Bruciata, molto ricco dal punto di vista floristico, e ad una doppia ansa del Molgora chiamata il Laghettone. 

 

Nota: laddove non fosse stato possibile l'utilizzo di un cartello, l'itinerario è stato segnalato con nastro adesivo bianco e rosso.

COMUNI

  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
  • stemma comune
con il contributo di